25.1 C
New York
martedì, Novembre 24, 2020
Web Radio
Home Archivio Apnea: Chiara Obino non riesce a riconquistare il titolo mondiale

Apnea: Chiara Obino non riesce a riconquistare il titolo mondiale

Resta ancora nelle mani della slovena Alenka Artmick e dell’ucraina Natalia Zharkova – scese a meno 85 metri di profondità nelle acque di Kas, in Turchia- il record mondiale CMAS (Confederazione mondiale attività subacquee) di apnea in assetto costante con le due pinne. E’ infatti fallito di pochissimo il tentativo dell’apneista cagliaritana Chiara Obino di riprendersi il titolo che in precedenza aveva conquistato ad Ustica nel 2016. A causa di un problema di compensazione la 42enne dentista cagliaritana non è riuscita a raggiungere il cartellino piazzato a -86 metri e con esso il record del mondo.

Ho avuto un problema di compensazione”, ha raccontato la record woman cagliaritana subito dopo la gara, organizzata nell’ambito del Trofeo Profondamente Sardegna – Memorial “Fabrizio Accorte” dal club BlueWorld di Cagliari. La competizione si sarebbe dovuta tenere nelle acque dell’Area Marina Protetta di Villasimius, ma è stata spostata a Geremeas a causa della forte corrente che avrebbe viziato, oltre a rendere pericolose, le performance degli atleti.

Una volta montati i cavi di sicurezza e i contrappesi nelle acque di Geremeas era tutto pronto. Chiara Obino si è infilata la muta ed ha iniziato la fase di rilassamento per immergersi alle 10,45. Sembrava filare tutto liscio, sotto la supervisione di Edmondo Puddu, il compagno di Chiara. Ma dopo aver superato i 70 metri l’apneista cagliaritana ha deciso di risalire in superficie ed è stata raggiunta dai safety diver, cioè gli apneisti responsabili alla sicurezza dei colleghi in gara.

chiara obino apnea
Chiara Obino durante la discesa a Geremeas (foto Alessandro Madeddu)

A un certo punto della discesa mi sono accorta che l’aria stava finendo e non riuscivo ad arrivare in fondo. Il piattello era troppo distante“, ha spiegato Chiara Obino. “Per compensare le orecchie devo traslare aria dai polmoni alla bocca, ma oltre una certa quota questo passaggio non si può più fare. Se compio tutti i “ricarichi” correttamente fino ai -35 metri ho aria per arrivare fino al piattello, in profondità. Mi sono accorta di non aver fatto bene i carichi, ma non sai mai quanto male li hai fatti, quindi ho continuato a scendere”.

Per questo a -80, a pochi metri dal raggiungimento del suo obiettivo, Chiara ha preferito tutelare la sua salute, girarsi e risalire. “La scelta più giusta sarebbe stata rimanere agganciata mentalmente al percorso mentale che mi ero fatta, e tornare pinneggiando come faccio normalmente. Invece ho pensato a cosa potevo fare per stancarmi il meno possibile e conservare le forze per fare il tuffo domani: mi sono tirata a braccia dal cavo per salvaguardare le gambe, ma questa è una modalità molto più lenta rispetto alla spinta che ti danno le pinne. Poi ho visto il safety diver con lo scooter e mi sono attaccata a lui. Nella parte finale mi sono rimessa sul cavo con le pinne. Ho fatto azioni che normalmente non faccio, una serie di errori che non ho mai fatto in allenamento – ha spiegato delusa Obino – e gli errori si pagano cari. Così come si paga cara la tensione della gara”. 

chiara obino apnea
Chiara Obino (foto Alessandro Madeddu)

L’apneista cagliaritana, che nella vita è dentista e mamma di due figlie, è una delle poche donne che oggi pratica l’apnea a livello non professionistico e, anche per questo, è una delle poche che tenta i record ancora nel Mediterraneo, un mare con acque molto più ostiche rispetto alle placide e calde acque del Mar Rosso o delle Bahamas, dove normalmente si tentano record come quello di oggi a Geremeas. Questo perché nel Mediterraneoci sono sempre le correnti (come quella forte di oggi, che ha costretto a spostare il campo gare), il moto ondoso sempre presente e il termoclino, cioè la presenza di tagli di acqua fredda che rendono difficoltoso il rilassamento.

E’ possibile che Chiara Obino possa di ritentare già domenica di riprendersi il record mondiale ancora nelle mani di Alenka Artmick e Natalia Zharkova.

Alessandro Zorco
Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver