Vittime innocenti delle mafie: verso il 21 marzo ad Alghero

Verso il 21 marzo: una serie di incontri a Cagliari, Gergei e Sassari in vista della Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

0
32
giornata memoria olbia
La Giornata della memoria e dell'impegno in ricordo delle vittime delle mafie celebrata lo scorso anno ad Olbia (Foto Libera Sardegna)

E’ ormai da ventitré anni che l’associazione Libera celebra ogni 21 marzo la Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie. Quest’anno per la prima volta la ricorrenza avrà una valenza istituzionale, essendo stata riconosciuta ufficialmente con una legge dello scorso anno, e si celebrerà a livello nazionale a Foggia sul tema “Terra, solchi di verità e giustizia”. In Sardegna la manifestazione si terrà ad Alghero. L’iniziativa sarda, organizzata nella città catalana da Libera Sardegna con il sostegno dell’amministrazione comunale e la collaborazione di Sardegna Solidale, viene preceduta in queste settimane da una serie di incontri e dibattiti promossi verso il 21 marzo nel territorio isolano da Libera Sardegna, dai presìdi territoriali di Libera e dalle associazioni e scuole aderenti all’associazione fondata da don Luigi Ciotti, con l’obiettivo di rilanciare la lotta e la mobilitazione contro tutte le forme di criminalità organizzata.

Il programma Verso il 21 marzo

verso il 21 marzo
Le iniziative verso il 21 marzo

Il programma delle iniziative in Sardegna Verso il 21 marzo prevede domani lunedì 5 marzo a Cagliari, alle ore 17 presso il presidio Emanuela Loi in via Cavalcanti 13, la proiezione del documentario di Stefano Maria Bianchi e Alberto Nerazzini “La mafia è bianca”, a cui seguirà un dibattito.

Martedì 6 saranno invece protagonisti gli studenti delle scuole superiori. Alle ore 11.30 presso l’Istituto Marconi in via Pisano a Cagliari, i ragazzi del Buccari-Marconi e del Pertini parteciperanno al dibattito su “La memoria e i familiari delle vittime innocenti di mafie”, a cui interverranno Pino Tilocca dell’associazione Nazionale Familiari Vittime di Mafia, il dirigente scolastico del Marconi Giancarlo Della Corte e il dirigente scolastico del Pertini Laura Caddeo, insieme a Giampiero Farru, referente di Libera Sardegna.

Mercoledì 7 marzo appuntamento invece a Gergei al Centro di incontro del volontariato di Su Piroi per il dibattito su “Bene Italia: la legge 109/1996 sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie”. Insieme al sindaco di Gergei Rossano Zedda, al vicepresidente del consiglio regionale Eugenio Lai e al referente di Libera Sardegna Giampiero Farru, interverranno anche la docente Franca Meloni dell’Istituto Comprensivo Segni Geniali, la docente di sociologia all’università di Sassari Laura Iannelli. Un appuntamento rivolto ai giovani: a Su Piroi ci saranno infatti gli studenti dell’istituto comprensivo Segni Geniali di Isili, i ragazzi delle superiori del Buccari Marconi di Cagliari, e gli studenti del corso di sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’università di Sassari.

La settimana si chiuderà sabato 10 a Sassari con un doppio appuntamento rivolto agli studenti. Il dibattito “L’antimafia in Italia: la proposta di Libera” si terrà a partire dalle ore 9.00 presso l’aula magna dell’Istituto Devilla in via Monte Grappa 2, dove interverranno il referente di Libera Sardegna Giampiero Farru e il dirigente scolastico dell’istituto Maria Nicoletta Puggioni. Alle 11.30 ci si sposta presso la sede dell’Istituto Alberghiero di via Cedrino, dove il dibattito con i ragazzi sarà animato da Farru e dal Dirigente scolastico Luisa Maria Pala.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.