Via al Reddito di inclusione sociale a Cagliari: domande fino al 3 agosto

0
51
reddito di inclusione sociale a cagliari
Un uomo chiede la carità per strada

Il Comune ha dato il via al Reddito di inclusione sociale a Cagliari. Fino al prossimo 3 agosto nell’apposito sportello al piano terra del palazzo Civico di via Sauro 17 i cagliaritani in difficoltà economiche potranno presentare domanda per ottenere il Reis. Il sostegno prevede un assegno variabile da 200 a 500 euro (a seconda del reddito Isee e della consistenza del nucleo familiare o della presenza in esso di persone anziane o disabili) a fronte della partecipazione ad un programma di reinserimento sociale e lavorativo concordato con i servizi sociali del Comune.

Introdotto dalla legge numero 18 varata dal Consiglio regionale nell’agosto 2016, il Reis è stato ribattezzato in sardo agiudu torrau (aiuto restituito). Come ha spiegato nei giorni scorsi l’assessore alle Politiche sociali e Salute Ferdinando Secchi annunciando il decollo del Reddito di inclusione sociale a Cagliari, si tratta di una misura che va oltre l’assistenzialismo perché non si limita ad erogare denaro ma “impegna le persone le famiglie e i servizi sociali a progettare insieme un piano di accompagnamento e di sostegno per rimuovere le condizioni di disagio“.

Il Reis non è incompatibile con il Sia, il Sostegno di inclusione attiva previsto a livello nazionale. “Mentre per il Sia gli importi erogabili sono calcolati su ogni persona e valgono da 80 a 400 euro – ha spiegato Secchi – per il Reis vanno da 200 a 500 euro mensili. Per averne diritto i cittadini dovranno sottoscrivere un patto con il Comune e compiere un percorso personalizzato per il superamento della condizione di povertà”.

Per consentire il funzionamento del Reddito di inclusione sociale a Cagliari, la Regione Sardegna ha stanziato per il 2016 850 mila euro e circa un milione di euro per il 2017.

Siccome a Cagliari solo nel 2016 oltre 2mila famiglie hanno chiesto contributi per le povertà estreme il Comune ha deciso di stanziare dei fondi integrativi per non lasciare nessuno senza sostegno.

Come ottenere il Reddito di inclusione sociale a Cagliari

inclusione sociale cagliari
Un ragazzo dorme su un muretto: a Cagliari nel 2016 oltre 2mila famiglie hanno chiesto alle istituzioni un sussidio per le povertà estreme

Le domande potranno essere presentate entro il prossimo 3 agosto presso lo sportello al piano terra del Palazzo Civico di via Nazario Sauro 17. Lo sportello è aperto tutte le mattine dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì e nel pomeriggio dalle 14,30 alle 17,30 nella sola giornata di giovedì. Entro il 3 agosto i cittadini potranno ricevere assistenza sulla compilazione dei modelli in modo da far partire il Reddito di inclusione sociale a Cagliari già dal prossimo settembre. Per la compilazione delle graduatorie si farà riferimento al valore Isee e, nell’ordine, al numero dei componenti del nucleo familiare, eventuali disabili e anziani a carico e infine all’età del richiedente.

E’ una grande sfida per la città di Cagliari che può dimostrare la sua capacità di essere una città inclusiva”, ha detto l’assessore Secchi. Rita Polo, presidente della Commissione Politiche sociali, ha auspicato che attraverso questi percorsi temporanei di inclusione sociale le persone in stato di disagio possano uscire definitivamente dallo stato di bisogno. “Non è una forma di assistenzialismo – ha ribadito – ma un aiuto a ricominciare ad essere attivi. E’ un modo per ridurre le disuguaglianze”.

Tutti i dettagli del bando e la modulistica per fare domanda di Reddito di inclusione sociale a Cagliari sono scaricabili dal sito del Comune.

COMMENTA QUESTO ARTICOLO

Please enter your comment!
Please enter your name here

*