Pierangelo Soi: da Sinnai a Bonaria

0
308
Pierangelo Soi

Anche quest’anno nella notte tra il 24 e il 25 aprile tanti fedeli sardi parteciperanno al pellegrinaggio a piedi da Sinnai alla basilica di Nostra Signora di Bonaria. Per celebrare il trentennale di questo appuntamento, diventato imperdibile per i devoti di Maria, lo scorso 19 marzo è partita dalla chiesa di Santa Barbara di Sinnai una staffetta che, in poco più di un mese, porterà in tante parrocchie della Sardegna una fiaccola con l’effigie della Madonna di Bonaria accesa nel giorno dell’apertura della Porta Santa di Bonaria. Ne abbiamo parlato insieme a Pierangelo Soi, uno dei fondatori del pellegrinaggio a piedi, ospite della trasmissione Cammino nel mondo – Storie di fede quotidiana andata in onda su radio Bonaria.

Sinnai Bonaria
Il passaggio della fiaccola

Pierangelo Soi

Lavoratore dell’Enel in pensione, Pierangelo Soi è stato uno dei fondatori del pellegrinaggio a piedi che ha visto la luce esattamente trent’anni fa ad opera di un manipolo di amici che facevano parte di Comunione e Liberazione.

Nell’intervista, che potete ascoltare in podcast in questa pagina, Pierangelo Soi si racconta e spiega come è nata l’idea di questo pellegrinaggio a piedi che, per la verità, riprende una usanza popolare presente da tanto tempo nel terriorio. E ci racconta come è nata l’idea di quella fiaccola con l’effigie della Madonna di Bonaria che in questo periodo è trasportata da centinaia di atleti isolani in quaranta tappe che, da Sinnai a Cagliari, attraverso le quattro province isolane, la porteranno per oltre 1200 chilometri in tutta la Sardegna. Perchè, come si legge nella copertina della rivista Il Segno che riporta le parole di Papa Francesco, “il pellegrinaggio è un segno peculiare dell’Anno Santo, perchè è icona del cammino che ogni persona compie nella sua esistenza“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.