Fisco: 270 mila euro di sgravi per i contribuenti sardi grazie a Di Maio

0
664
L'applicazione della legge 228 comporterà sgravi per 270mila euro per i contribuenti sardi. Ma le istanze ammontano a 6 milioni di euro

In Sardegna per ottenere l’applicazione di una legge dello Stato è necessario l’intervento delle più alte cariche statali. E infatti c’è voluto l’intervento del vice presidente della Camera Luigi Di Maio per strappare ai vertici dell’Agenzia delle Entrate di Cagliari e di Equitalia la garanzia dell’applicazione di una legge, la 228 del 2012, che prevede l’annullamento delle cartelle esattoriali nel caso di mancata risposta ai reclami entro 220 giorni da parte della pubblica amministrazione. L’applicazione della legge 228 comporterà sgravi fiscali per oltre 270 euro per i contribuenti sardi, in gran parte artigiani e commercianti che in questo momento sono tartassati dal Fisco.

E’ il risultato di un incontro tra i vertici del Movimento Cinque Stelle – coadiuvati dal legale cagliaritano Francesco Scifo – con i rappresentanti dell’Agenzia delle entrate e di Equitalia, i cui esiti sono stati illustrati oggi in una conferenza stampa dal vicepresidente della Camera Luigi Di Maio e dalla parlamentare Emanuela Corda.

Di maio
Il vice presidente della Camera dei Deputati Luigi Di Maio

In un Paese normale non saremmo dovuti andare a chiedere l’applicazione di una norma di legge – ha commentato Di Maio -: noi abbiamo avanzato le istanze di chi abbiamo incontrato, ma ci sono tante altre situazioni simili“. Le richieste prese in carico dal Punto civico di Cagliari, il centro d’ascolto allestito nei mesi scorsi dal Movimento 5 Stelle, ammontano infatti complessivamente a circa sei milioni di euro.

Finalmente, siamo riusciti a ottenere l’assicurazione che verrà applicata la legge 228/12 art. 1 comma 540:  lo sgravio per i contribuenti che non hanno ricevuto risposta dall’ente creditore entro 220 giorni dalle loro eccezioni” , commenta l’avvocato Francesco Scifo a proposito dell’incontro presso la Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate al quale ha partecipato anche il nuovo rappresentante regionale di Equitalia . “Fino ad oggi la legge non veniva applicata per tutti ed ora, grazie alla collaborazione con il Movimento 5 stelle, siamo riusciti a chiarire un semplice principio: la legge si applica sempre anche quando può gravare il bilancio dello stato. Questo dice il principio di legalità ed oggi lo abbiamo fatto applicare. In uno Stato normale sarebbe bastata la legge e i magistrati, da noi è dovuto intervenire il vicepresidente della camera personalmente: grazie vice presidente cittadino on.le Di Maio e grazie alla cittadina onorevole Emanuela Corda”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.