Il dono speciale di Padre Vladimir Laiba

0
332
Vladimir Laiba santo stefano

Per unire la Chiesa cattolica e quella ortodossa non basta conoscere le rispettive differenze, ma è necessario tanto amore e tanto dialogo senza pregiudizi. La reliquia di Santo Stefano, donata un mese fa dal presbitero ortodosso padre Vladimir Laiba alla parrocchia quartese di Santo Stefano Protomartire, è un piccolo grande passo in questa direzione.

Nell’intervista andata in onda su Radio Bonaria nella trasmissione Cammino nel mondo – Storie di fede quotidiana (potete ascoltare il podcast in questa pagina) padre Vladimir Laiba, sacerdote nella parrocchia ortodossa di San Teodoro Tìrone, ci racconta come è nata l’idea di donare alla parrocchia quartese la preziosissima reliquia risalente a duemila anni fa che gli era stata a sua volta regalata in ricordo della sua ordinazione sacerdotale avvenuta nel 2010.

Padre Vladimir LaibaPadre Vladimir Laiba

Nato in un paese vicino a San Pietroburgo, battezzato di nascosto in una Unione Sovietica dove il comunismo vietava ai fedeli anche soltanto di entrare in chiesa, padre Vladimir Laiba ha capito sin da bambino che la sua missione sarebbe stata quella di seguire Gesù Cristo e servire gli altri. Vice parroco a Roma, da due anni viene con una certa regolarità in Sardegna dove nelle principali festività celebra Messa nella parrocchia ortodossa di San Giuda Taddeo, a Quartu.

Nel corso dell’intervista abbiamo parlato della grande importanza nella tradizione liturgica ortodossa delle icone sacre, purtroppo quasi dimenticate nell’arte sacra occidentale. Per questo, durante la permanenza in Sardegna, padre Vladimir Laiba ha avuto modo di apprezzare il lavoro svolto dal maestro iconografo Michele Antonio Ziccheddu che ha fondato a Mandas l’Accademia di iconografia Santu Iacu.

L’iconografia e la musica liturgica possono, secondo il presbitero ortodosso, facilitare il dialogo e la comunione tra le due chiese divise ormai dal 1054 per motivi politici e anche dogmatici (la formulazione del Credo). Ma più che le differenze padre Vladimir Laiba tende a valorizzare le tante cose che uniscono cattolici e ortodossi. “Se c’è l’amore non c’è più una separazione – spiega padre Vladimir Laiba -: il dono delle reliquie alla parrocchia di Santo Stefano è avvenuto attraverso uno scambio d’amore. Dobbiamo promuovere in tutti i modi questo scambio di doni fra le nostre due chiese”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.