25.1 C
New York
domenica, Novembre 29, 2020
Web Radio
Home Archivio Lìngua Bia: mobilitazione dal basso per non far morire la lingua sarda

Lìngua Bia: mobilitazione dal basso per non far morire la lingua sarda

Partirà mercoledì 12 aprile a Cagliari il terzo corso di alfabetizzazione al sardo organizzato dalla associazione Lìngua Bia che si dedica alla pratica e all’insegnamento della lingua sarda. L’associazione, che ha l’obiettivo di mobilitare i cagliaritani e creare uno spazio popolare in cui si parli sardo e si faccia cultura in sardo, ha reso note le nuove iniziative durante una manifestazione che si è tenuta al Teatro Massimo di Cagliari.

Lìngua bia
La bandiera della Sardegna

La Regione Sardegna e l’Università non fanno nulla? Allora lo facciamo noi”, hanno fatto fanno sapere i soci di Lìngua Bia, associazione nata informalmente nel settembre dello scorso anno, quando alcune persone hanno sentito la necessità di organizzare un corso di sardo probabilmente dopo il naufragio dei corsi di sardo organizzati negli anni scorsi dalla Regione Sardegna sulla LSC, la fantomatica lingua sarda comuna.

Siamo sardi e non ci insegnano il sardo a scuola. Siamo sardi e non si parla il sardo all’università – si legge in una nota di Lingua Bia -. Tra i professori universitari, gli intellettuali per definizione, i quali sono pagati per studiare e dare l’esempio, quasi nessuno parla il sardo. Neppure i più progressisti. Molti di loro spendono anni ad imparare lingue straniere, ma non trovano mai il tempo per studiare il sardo e utilizzarlo. Perché? Se contassimo le dichiarazioni degli assessori regionali alla cultura, dei consiglieri regionali, degli assessori comunali e dei consiglieri comunali in cui si santifica “la lingua sarda”, avremmo bisogno di cambiare il toner della stampante un paio di volte. Poi, dopo decenni di comunicati, scopri che non hanno però trovato il tempo per imparare a scrivere in sardo, o per parlarlo. Perché?”.

Fortemente critica sui risultati delle politiche linguistiche e sulla reale volontà della attuale giunta regionale nella realizzazione del bilinguismo, l’associazione Lìngua Bia chiede ai  cagliaritani e a tutti i sardi di imparare il sardo e di utilizzarlo.

Dopo le prime edizioni, il terzo corso di alfabetizzazione partirà mercoledì 12 aprile nella sede del circolo Me-Ti di (via Mandrolisai 60) e – fa sapere l’associazione – sarà tenuto da docenti con esperienza e formazione specializzata. Il livello di questo corso sarà  elementare mentre a maggio comincerà un corso di sardo di livello più avanzato.

Se a noi si uniranno donne e uomini che non vogliono più aspettare gli “intellettuali” o i “politici” il programma sarà ancora più vasto”, fa sapere l’associazione Lìngua Bia che durante la manifestazione al Teatro Massimo ha annunciato collaborazioni e iniziative culturali con numerosi attori del mondo culturale sardo. “L’obiettivo è formare uno spazio informale, popolare, continuo, in cui si parli sardo e si faccia cultura in sardo. La propria dignità parte dalla dignità della propria lingua”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver