viganò

Telefonate impreviste, visite a sorpresa come quella fatta qualche settimana fa ai terremotati di Amatrice, cambi di programma repentini e discorsi a braccio che fanno disperare i vaticanisti. Jorge Mario Bergoglio, sin dal suo primo saluto dalla loggia di San Pietro la sera della sua elezione, ha dimostrato una grande capacità di entrare in relazione con gli altri e di comunicare in maniera semplice, comprensibile ed accessibile a tutti. E’ quasi impossibile che Papa Francesco si limiti ai protocolli ufficiali anche nelle visite più importanti: di solito deposita agli atti i discorsi preparati con cura dalla sua segreteria e parla tranquillamente “a braccio” con quella disinvoltura e spigliatezza che lo sta rendendo un Pontefice amato e ascoltato sia dai credenti che dai non credenti. Viganò.

viganò
La locandina dell’incontro a Cagliari con monsignor Viganò

L’efficacia comunicativa di Papa Francesco è proprio il tema del volume del Prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede Dario Edoardo Viganò dal titolo “Fratelli e sorelle, buonasera. Papa Francesco e la comunicazione” (Carocci 2016) che sarà presentato giovedì 24 ottobre a Cagliari, alle ore 18, nell’Aula Magna della Pontificia Facoltà di Teologia della Sardegna (via Sanjust 13).

All’incontro, organizzato dall’Ucsi Sardegna, dalla Pontificia Facoltà di Teologia della Sardegna e dall’Ufficio diocesano delle comunicazioni sociali, parteciperanno oltre a monsignor Viganò  anche il preside della Pontificia Facoltà di Teologia della Sardegna padre Francesco Maceri e l’arcivescovo di Cagliari monsignor Arrigo Miglio. Moderatore sarà il giornalista Rai Paolo Mastino.

Chi è Dario Edoardo Viganò

viganò
Monsignor Viganò insieme a Papa Francesco in uno scatto dell’agenzia Reuters

Nato nel 1962 a Rio de Janeiro Dario Edoardo Viganò è Prefetto della Segreteria per la Comunicazione della Santa Sede e dal 2013 al 2015 è stato Direttore del Centro Televisivo Vaticano – CTV. Tra i molteplici incarichi Viganò è ordinario di Teologia della comunicazione presso la Pontificia Università Lateranense e dal 2013 dirige insieme ad Emilio Carelli il Master in “Digital Journalism” organizzato dal CLAS – Pontificia Università Lateranense. Dal 2010 è socio Corrispondente della Pontificia Academia Theologica ed è autore di numerosi studi dedicati all’analisi del rapporto tra i media e il mondo cattolico, con particolare attenzione al cinema.

Nel volume “Fratelli e sorelle, buonasera. Papa Francesco e la comunicazione” (Carocci 2016) monsignor Viganò mostra come il messaggio di Jorge Mario Bergoglio arriva fino a noi analizzando diversi aspetti della comunicazione di Papa Francesco: dal suo celebre saluto dal balcone di San Pietro il giorno dell’elezione, alle sempre acute conferenze stampa in aereo con i giornalisti durante i viaggi apostolici, fino alle omelie e alle encicliche papali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *