25.1 C
New York
giovedì, Novembre 26, 2020
Web Radio
Home Società Turismo, tutti pazzi per TripAdvisor e per le prenotazioni online

Turismo, tutti pazzi per TripAdvisor e per le prenotazioni online

Ormai è quasi automatico. Per prenotare un albergo o un ristorante tutti clicchiamo sui grandi portali di ricerca. TripAdvisor, booking.com, Expedia. Là troviamo i migliori prezzi e le recensioni più o meno affidabili dei clienti che ci hanno preceduto. Più o meno affidabili, perché è noto che un operatore particolarmente scorretto può tranquillamente acquistare su internet i pacchetti di recensioni positive per farsi bello con i clienti. Oppure viceversa per un concorrente è relativamente facile organizzare una campagna denigratoria a base di commenti totalmente negativi per screditare i competitors.

Questa diffusa attitudine a “vincere facile” che ci spinge a cercare l’affare sta facendo lievitare le prenotazioni sui grandi portali. Una abitudine che avvantaggia le piccole strutture alberghiere che approfittano della vetrina offerta dai nuovi colossi dell’offerta turistica. Ma soprattutto arricchisce chi gestisce i portali che con le provvigioni porta fuori dall’Italia una buona fetta dei proventi del turismo nostrano.

tripadvisor
Una camera d’albergo

TripAdvisor e booking.com: i colossi del turismo online

Una interessante ricerca della Oxford Economics riportata nei giorni scorsi da Repubblica racconta che TripAdvisor, portale visitato ogni mese da 340 milioni di utenti che evidentemente considerano affidabili le sue recensioni, condiziona le scelte del 10% dei viaggiatori mondiali e del 12% di quelli italiani. La possibilità di prenotare online – evidenzia lo studio – ha fatto lievitare il numero dei pernottamenti con un notevole aumento degli introiti per le strutture turistiche italiane e dei posti di lavoro.

Tutto bello quindi? Non proprio. A fronte di un risparmio e di una innegabile comodità, questo sistema di prenotazione online presenta ancora molte insidie per i clienti che rischiano di essere bidonati dalle recensioni fasulle. Per non contare i vincoli stringenti per gli albergatori, ai quali viene addirittura impedito di proporre sui propri siti un prezzo inferiore rispetto a quello proposto sui portali del turismo online.

Federalberghi – che da tempo si oppone a questi vincoli – rileva che se una camera d’albergo che su un portale online viene venduta a 100 euro (80 vanno all’albergo e 20 al portale) fosse ipoteticamente messa in vendita dall’albergatore sul proprio sito a 90 euro, il cliente pagherebbe 90 e l’albergo incasserebbe 90: entrambi guadagnerebbero 10 euro.

La verità è che questi grandi portali hanno un peso che schiaccia la piccola imprenditoria alberghiera che non ha alcun potere negoziale di fronte a questi colossi. Il gruppo che gestisce il sito booking.com ed altri sistemi di prenotazione – rivela sempre Repubblica – ha un fatturato di oltre 39 miliardi di euro all’anno. Un’enormità rispetto alle 33mila aziende alberghiere esistenti in Italia che fatturano complessivamente circa 19 miliardi di euro.

Sta a noi consumatori da che parte stare. Se continuare a scegliere la comodità facendo arricchire questi colossi che portano risorse fuori dall’Italia oppure utilizzare altri sistemi di prenotazione più tradizionali.

La risposta è scontata e sta in quei 340 milioni di persone che ogni mese visitano il portale TripAdvisor. Ormai i servizi si ottengono con un clic dello smartphone e tornare indietro sarà pressoché impossibile. L’importante è sapere che prenotando online su questi siti il 20% dei soldi che spendiamo per l’albergo andrà sempre fuori dall’Italia a ingrossare i proventi di questi colossi e contribuirà ad abbassare ancora il Pil della nostra nazione. Ma in fondo a noi che ci frega? A noi piace vincere facile.

Alessandro Zorco
Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver