giustizia tributaria

In Sardegna la Giustizia tributaria è totalmente paralizzata con oltre il 40 per cento dei posti scoperti nell’organico dei magistrati e una mole di pratiche arretrate per smaltire le quali ci vorranno almeno una ventina d’anni. Questa paralisi sta determinando una sostanziale impossibilità di controllo giurisdizionale dell’azione dell’Agenzia delle Entrate e dell’azione di riscossione di Equitalia lasciando i cittadini abbandonati e senza valide garanzie di fronte al Fisco.

E’ quanto è emerso durante il convegno “La crisi della giustizia tributaria in Sardegna: quale futuro?” che si è tenuto a Cagliari e al quale hanno partecipato il presidente uscente della Commissione Tributaria Regionale Ettore Angioni, il Garante del Contribuente Mauro Mura, i presidenti degli Ordini degli Avvocati e dei Commercialisti.

giustizia tributaria
Cittadini sardi abbandonati di fronte al Fisco?

La paralisi della giustizia tributaria

Nel corso dell’incontro – moderato dal presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Sardegna Francesco Birocchi – è sostanzialmente emerso che i cittadini sardi sono stati abbandonati dalla politica sarda e lasciati alla mercé dell’amministrazione finanziaria e agli arbitri della riscossione dei tributi. Una situazione disastrosa per la legalità fiscale in Sardegna che distrugge le imprese e l’economia locale e tradisce le aspettative create nei cittadini dalla promessa elettorale dell’istituzione di una agenzia fiscale regionale.

Gli organizzatori avevano peraltro invitato al convegno il presidente della Regione sarda Francesco Pigliaru per tentare di ragionare su possibili soluzioni, ma il governatore non si è presentato e non ha delegato alcun rappresentante istituzionale.

Secondo molti magistrati, avvocati e commercialisti cagliaritani la totale assenza della politica sarda sarebbe dovuta alla volontà di mantenere lo status quo per poter gestire il potere senza efficaci controlli giurisdizionali. Una considerazione, questa, sottoscritta dall’avvocato Francesco Scifo, segretario del movimento Sardegna Zona Franca e da anni in prima linea nella battaglia fiscale contro Equitalia.

La commissione tributaria regionale è paralizzata per carenze di organico di oltre il 70% – spiega Scifo -: salta poi agli occhi il fatto che nei giudici nominati dal Ministero dell’Economia (che sono parte in causa) manca il requisito della terzietà ed il garante del contribuente non ha neppure un ufficio ed è relegato senza alcun potere negli uffici dell’Agenzia delle Entrate. Purtroppo – conclude – i politici sardi che potrebbero risolvere i problemi hanno abbandonato la Sardegna al fisco rapace dello Stato senza controlli, mentre nelle altre regioni la giustizia tributaria funziona”.

Di Alessandro Zorco

Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *