borsellino

“Non importa dove si nasce, se si combatte per le stesse idee e si crede nelle stesse cose”. Così aveva scritto il giudice Paolo Borsellino prima di essere barbaramente ucciso in via D’Amelio, a Palermo. La mafia – proprio perché non aveva la possibilità di opporsi in altro modo all’onestà intellettuale e alla sete di giustizia del magistrato che, insieme all’amico e collega Giovanni Falcone, ha contribuito a comprendere i meccanismi della malavita organizzata e stava per fasre luce sulle sue connessioni con lo Stato italiano – per tappargli la bocca e mettere fine alle sue indagini è stata costretta ad assassinarlo insieme agli agenti della sua scorta con una macchina imbottita di tritolo.

Per ricordare ancora una volta quel tragico pomeriggio del 1992 – ma anche per ricordare, come diceva il giudice Borsellino, che la mafia non è un fenomeno esclusivamente siciliano e che bisogna combattere il malaffare e difendere la legalità ovunque – il prossimo 19 luglio, anniversario della strage di Via D’Amelio, ritornerà a Macomer la tappa del Festival “Conta e Cammina – la legalità appartiene al tuo sorriso”.

borsellino
La locandina della manifestazione in onore di Paolo Borsellino

In bici per ricordare Paolo Borsellino

La manifestazione “Conta, Cammina, Pedala – in bici per ricordare Paolo Borsellino”  partirà martedì 19 luglio alle 19 dal Centro Servizi Culturali UNLA in Viale Gramsci a Macomer e si concluderà in Via Emilio Lussu nel parco della Cooperativa Sociale Progetto H e di Hub-Ristorante Caffetteria.

La manifestazione è curata dai partner dei Festival Conta e Cammina: Centro Servizi Culturali UNLA, Cooperativa Sociale Progetto H, Libreria Emmepi, Associazione Verbavoglio, Associazione Nino Carrus, Confcooperative Nuoro-Ogliastra, Cooperativa Sociale Luoghi Comuni, Sardegna Solidale e Forum Giovani di Macomer, con il patrocinio del Comune di Macomer.

“La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo  della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità” 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *