25.1 C
New York
lunedì, Novembre 30, 2020
Web Radio
Home Economia La povertà nel mondo raccontata in quattro vignette

La povertà nel mondo raccontata in quattro vignette

Bizunesh è una bambina africana. Fino a poco tempo fa non poteva frequentare la scuola perché ogni giorno doveva andare a recuperare acqua potabile per la sua famiglia, ma ora grazie alla costruzione di un pozzo vicino alla sua casa può finalmente studiare e stare di più con la sua famiglia. Bizunesh è la piccola protagonista che ha ispirato le vignette del fumettista Daniele Bonomo, in arte Gud, incentrate sui temi dell’acqua, della scuola, del cibo e della salute, ovvero i quattro diritti fondamentali ai quali molti bambini e bambine del Sud del mondo non hanno accesso.

Cibo, acqua, scuola, salute sono infatti dei diritti primari che vengono messi in pericolo soprattutto in Paesi devastati dalla guerra, dalla instabilità politica, dallo sfruttamento e dalle carestie come l’Africa Subsahariana. Ad essere colpiti sono soprattutto i bambini che spesso si vedono negati diritti essenziali come un pasto ogni giorno, servizi igienici funzionanti, l’istruzione e la cura di malattie infettive per noi banali come il morbillo. Per questo l’organizzazione umanitaria ActionAid ha pensato di raccontare questi temi importantissimi per i destini dell’intera umanità con un linguaggio accessibile anche al mondo dell’infanzia, ovvero attraverso le vignette del fumettista Daniele Bonomo, in arte Gud.

Le vignette mettono in luce una condizione che colpisce purtroppo molti bambini, ma che è particolarmente grave per le bambine che si trovano a dover lottare molto di più dei loro coetanei di sesso maschile.

Nel 2015 – stando alle Nazioni Unite – nel mondo circa 2,7 milioni di bambini sono deceduti nei primi 28 giorni di vita (morti neonatale). La stragrande maggioranza di queste morti sarebbe stata facilmente prevenibile fornendo ai neonati strutture sanitarie e personale qualificato. In totale si stima che solo nel 2015 siano morti 5,9 milioni di bambini al di sotto dei cinque anni di età, fenomeno frequentissimo soprattutto nei Paesi del Sud del mondo e per cause in gran parte riconducibili alla povertà estrema e alla malnutrizione.

ActionAid e le vignette di Gud

L’acqua, bene primario per eccellenza, è protagonista della prima delle quattro vignette.

vignette gud
In tutto il mondo quasi un miliardo di persone non ha accesso ad una fonte d’acqua potabile sicura. Ma la situazione generale è molto più grave: ci sono circa 3,5 miliardi di persone che non vedono il proprio diritto all’acqua pienamente rispettato. In particolare, le persone costrette a procurarsi l’acqua da fonti non sicure sono 748 milioni. Di queste, circa 173 milioni, ancora oggi, si procurano l’acqua direttamente da fiumi, ruscelli o stagni. Una delle zone più colpite dal problema è l’Africa subsahariana: qui il 36% della popolazione non ha accesso all’acqua potabile. Dal momento che le fonti di acqua sono spesso inquinate, è necessario percorrere diversi km per poter raggiungere una fonte di acqua potabile. A volte sono proprio i bambini ad essere incaricati di questo compito e ciò impedisce loro di frequentare la scuola.

Il cibo è protagonista della seconda delle quattro vignette di Gud.

vignette Gud
In tutto il mondo 795 milioni di persone soffrono la fame. La maggior parte vive nei Paesi in via di sviluppo dove il 12,9% della popolazione è composto da persone denutrite. I due terzi della popolazione mondiale che soffre la fame si trovano in Asia. Mentre una persona su quattro nell’Africa subsahariana è denutrita. A pagare il prezzo più alto, come succede spesso nei Paesi più poveri del mondo, sono i bambini. Ogni anno, la metà dei decessi di bambini al di sotto dei cinque anni di età, il 45% per la precisione, avviene a causa della scarsa alimentazione. Stiamo parlando di circa 3,1 milioni di bambini.

Il diritto alla salute è protagonista della terza vignetta.

Vignette Gud
Nel 2015, circa 2,7 milioni di bambini sono deceduti nei primi 28 giorni di vita (si parla di morte neonatale). A livello globale, rappresentano il 45% dei decessi di bambini entro il quinto anno di vita. La stragrande maggioranza di questi è facilmente prevenibile fornendo strutture sanitarie e personale qualificato. Si stima che, in totale, nel 2015 siano morti 5,9 milioni di bambini al di sotto dei cinque anni di età. La maggior parte di tali decessi avviene nei Paesi del sud del mondo. Le cause sono varie, ma tutte riconducibili alla povertà estrema: infezioni, malnutrizione e mancanza di strutture sanitarie adeguate dove partorire. Si pensi che una malattia banale come il morbillo ha ucciso circa 115 mila bambini solo nel 2014, sebbene esista un vaccino che costa solo 2 dollari.

Il diritto all’istruzione è protagonista della quarta ed ultima vignetta.

vignette
In tutto il mondo quasi 781 milioni di adulti e 126 milioni di giovani non sanno né leggere né scrivere: ci sono quasi novecento milioni di analfabeti e più del 60% del totale è rappresentato da donne. Anche da questo punto di vista, è l’Africa subsahariana la zona del mondo dove il problema si manifesta nella sua forma più grave: basti pensare che 33 milioni di bambini in età da istruzione primaria non vanno a scuola; il 56% di questi è costituito da donne poiché spesso i genitori con più figli preferiscono mandare a scuola i maschi. Per questo motivo le bambine si ritrovano così costrette a dedicare il loro tempo a lavori domestici o, nel peggiore dei casi, ai matrimoni forzati per non essere un peso economico per la famiglia. Si pensi che ogni giorno, 20mila ragazze sotto i 18 anni diventano madri nei Paesi del Sud del mondo.

Tutti i dati contenuti nelle didascalie delle vignette sono estratti da:

  1. “Acqua ed Energia” (edizione 2014 del Rapporto delle Nazioni Unite sullo Sviluppo delle Risorse Idriche mondiali)
  2. Nazioni Unite, The Millennium Development Goals Report 2014, (p. 44)
  3. FAO, The State of Food Insecurity in the World 2015
  4. The Lancet, Series on Maternal and Child Nutrition (2013)
  5. Nazioni Unite, The Millennium Development Goals Report 2014 (pp. 17-18)
  6. WHO, Health in 2015: from MDGs to SDGs, Chapter 4 (pp. 84-86)
  7. WHO, http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs286/en/
  8. WHO, http://www.who.int/mediacentre/factsheets/fs286/en/

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver