poetto erosione

Collaborare alla definizione di linee guida nazionali per la difesa della costa dall’erosione e dagli effetti dei cambiamenti climatici; individuare procedure comuni per una corretta e sostenibile gestione della fascia costiera. Sono questi gli obiettivi del protocollo d’intesa che la Regione Sardegna ha firmato a Roma al Ministero dell’Ambiente con Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Puglia, Toscana, Veneto e Sicilia.

TurismoIl protocollo istituisce un tavolo nazionale che dovrà monitorare tutte le attività nazionali e internazionali che hanno prodotto risultati rilevanti in materia in modo da inquadrare e affrontare la problematica dell’erosione costiera in forma coordinata e integrata.

In quella sede verranno formulate le linee guide in cui dovranno essere confrontate le varie problematiche di erosione costiera con le possibili soluzioni di riequilibrio e protezione o adattamento in base anche ai cambiamenti climatici. Prioritari saranno infatti gli aspetti della biodiversità, alla luce del fatto che la costa mediterranea si caratterizza per paesaggi di grandissimo valore naturalistico e da un elevato numero di habitat significativi in termini di biodiversità.

La Sardegna – ha detto l’assessore della Difesa dell’Ambiente della Regione Sardegna Donatella Spanogiocherà una partita importante assieme alle altre regioni costiere per fare sì che le nostre coste siano preservate dai fenomeni di erosione e dalle conseguenze dei mutamenti climatici e che la loro ricca biodiversità sia tutelata“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *