25.1 C
New York
martedì, Dicembre 1, 2020
Web Radio
Home Archivio Trivelle: 5 motivi per il Sì e 5 per il No

Trivelle: 5 motivi per il Sì e 5 per il No

In vista del referendum sulle trivelle del prossimo 17 aprile riportiamo il dibattito pubblicato sulla piattaforma di Pro/Versi che analizza le posizioni di Andrea Boraschi, responsabile della campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia, e Piercamillo Falasca, direttore editoriale di “Strade” e membro del comitato “Ottimisti e razionali”, che rispettivamente spiegano 5 ragioni fondamentali a supporto del Sì nel referendum sulle trivelle e 5 ragioni a supporto del No.

Trivelle off shoreTrivelle e autonomia energetica

Secondo Boraschi, se vincesse il sì al referendum del 17 aprile si porrebbe un limite temporale alla presenza ingombrante e inquinante delle piattaforme sotto costa e ciò non comporterebbe alcun deficit energetico per l’Italia né la perdita di posti di lavoro. Di diverso avviso Falasca, per il quale, se vincesse il sì, aumenterebbe viceversa la dipendenza energetica dell’Italia da paesi fornitori di energie fossili e andrebbero persi oltre 30mila posti di lavoro. Il referendum del 17 aprile mira ad abrogare una legge introdotta appena due mesi fa relativa ad attività di ricerca ed estrazione attualmente in corso nella fascia marina entro le 12 miglia che non abbiano una scadenza certa.

Trivelle e produzione di energia

Per Andrea Boraschi “il Governo ha previsto che queste piattaforme che estraggono pochissimo, sia in termini di gas che di petrolio, potranno continuare a farlo senza un termine certo e questo consentirà di fatto alle compagnie di rimandare il momento della dismissione e soprattutto il momento dello smantellamento” delle piattaforme stesse. Per Piercamillo Falasca, invece “questo referendum danneggia l’intera credibilità dell’Italia come luogo di attrazione di investimenti produttivi internazionali”. Boraschi smentisce l’utilità di queste attività estrattive sia per quanto riguarda la bilancia energetica nazionale sia per le casse dello Stato: “le piattaforme incluse oggi nel tratto di mare tra la costa e le 12 miglia, producono un quantitativo di gas che è l’equivalente del 3% dei consumi annui nazionali e in termini di petrolio producono molto meno, qualche misero decimale”.

Trivelle e approvvigionamento energetico

L’esponente di Greenpeace Italia evidenzia poi che “questo gas e questo petrolio, una volta estratti, non sarebbero italiani, sarebbero delle compagnie”. Alla luce di questo, con la vittoria del sì al referendum l’Italia non avrà alcuna necessità di aumentare l’import di energie da fonti fossili da paesi esteri. In opposizione a chi sostiene che tali attività estrattive garantiscono un gettito per le casse pubbliche, Boraschi sottolinea che “per estrarre in Italia gas e petrolio le compagnie petrolifere pagano le royalties più basse del mondo: appena il 7% del valore di quanto estraggono”, inoltre, “la maggior parte di questi impianti sono così poco produttivi da rimanere entro una soglia di produzione, che è definita franchigia, al di sotto della quale non si pagano royalties”. Di diverso avviso il direttore di “Strade” che sostiene che “Se vince il sì, aumenterà la dipendenza energetica di gas dell’Italia dalla Russia e dai paesi arabi”; “dovremmo rinunciare a circa 340 milioni di euro che è quello che le compagnie del gas naturale e del petrolio hanno pagato nel 2014 alle casse dello Stato e delle regioni. Qualcuno dice che in Italia le royalties sono troppo basse. Allora lavoriamo per quello: lavoriamo per aumentare le royalties che le compagnie pagano allo Stato”.

Trivelle e inquinamento dell’ambiente

Nonostante la maggior parte di esse estragga gas, una fonte energetica pulita, “le piattaforme oggetto di questo referendum inquinano e lo fanno oltre i limiti previsti dalla legge”.  In base a quanto verificato da Greenpeace, intorno a queste piattaforme si rileva una contaminazione grave e diffusa, fatta di “metalli pesanti e idrocarburi. I valori di questi inquinanti sono tre volte su quattro al di fuori dei parametri di legge”, sostiene ancora Andrea Boraschi. Secondo Falasca invece “non sono le piattaforme, ma le petroliere la causa del catrame che purtroppo a volte arriva sulle nostre coste, danneggiandole”.

Trivelle e posti di lavoro

Per il fronte del sì al referendum, con l’abrogazione della legge in oggetto, non andrebbero persi posti di lavoro. Infatti, afferma Boraschi, la dismissione di questi impianti avverrebbe nell’arco di diversi anni e ciò graverebbe su pochissimi posti di lavoro: “sono strutture controllate da remoto e non prevedono la presenza costante di lavoratori son richieste saltuariamente attività di manutenzione”. Per il fronte del no, invece, “andranno persi migliaia di posti di lavoro. Ci sono 11mila persone direttamente impiegate in attività estrattive. Altre 21mila che operano nell’indotto”.

La vittoria del sì, secondo Boraschi, costituirebbe un importante messaggio per il governo, quello di cambiare indirizzo e di non puntare più sulle fonti energetiche fossili: “questo paese può garantirsi prospettive di indipendenza energetica puntando solo sulle fonti rinnovabili e sull’efficienza”. Mentre per Falasca “per aumentare l’occupazione nell’alta tecnologia nelle rinnovabili abbiamo bisogno anche del lavoro di chi oggi si sta occupando al petrolio e al gas naturale in Italia”.

Per approfondire il dibattito sulle trivelle si può guardare il video “Referendum NoTriv. 5 tesi per il Sì” sulla pagina https://proversi.it/multimedia/details/18  ed il video Referendum NoTriv. 5 tesi per il No  sulla pagina https://proversi.it/multimedia/details/17 .

Per leggere la Discussione visitare invece la pagina www.proversi.it/discussioni/pro-contro/46-petrolizzazione-dell’italia, la Pagina Facebook www.facebook.com/iproversi ed il Profilo Twitter www.twitter.com/iproversi.

Ti è piaciuto l’articolo? Iscriviti alla newsletter

[mc4wp_form id=”8273″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver