25.1 C
New York
domenica, Settembre 20, 2020
Web Radio
Home Archivio Energit: i lavoratori scendono in campo

Energit: i lavoratori scendono in campo

Vendeteci Energit: con il talento si vincono le partite, ma è con il lavoro di squadra e l’intelligenza che si vincono i campionati”. E’ lo slogan contenuto nel volantino che questo pomeriggio i lavoratori della società Energit distribuiranno ai tifosi che seguiranno al Sant’Elia il match tra Cagliari ed Entella. L’obiettivo dei lavoratori – sfiancati da una vertenza lunghissima e dolorosa – è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica cagliaritana sulla loro richiesta meritoria: provare ad acquisire autonomamente l’azienda sulla quale hanno scommesso il proprio futuro per provare a rilanciarla.

In una Sardegna in crisi, dove tanti imprenditori sono abituati a sfruttare quel che c’è da sfruttare e poi andare via lasciando solo disoccupazione e devastazione, la vicenda dei lavoratori Energit, che in questi anni sono stati spesso al centro delle cronache per le loro colorate e vivaci manifestazioni con cui hanno cercato di tutelare il loro posto lavoro, è un segnale importante per tutti. Soprattutto per quei lavoratori, e ce ne sono tanti, che hanno assistito impotenti al crac delle loro aziende senza battere neppure ciglio.

La proposta dei lavoratori Energit

Vertenza EnergitLo scorso 27 gennaio, durante un’assemblea, i lavoratori Energit hanno presentato una proposta di acquisizione della proprietà dell’azienda con un’operazione di management buyout (MBO). In pratica si tratta di una procedura che consiste nell’iniziativa di un gruppo di dipendenti che, affiancati da altri partner (finanziari e/o industriali), intendono rilevare l’azienda con l’obiettivo di rilanciarla.

La proposta di rilevare da parte dei dipendenti che quotidianamente operano con professionalità in Energit – si legge in una nota – nasce dall’esigenza, in primis, di assicurare la continuità stessa del business. L’indisponibilità degli istituti di credito a concedere all’attuale proprietà le garanzie richieste dai fornitori si traduce di fatto nella difficoltà di garantire il pieno mantenimento del patrimonio aziendale”.

Attiva nel mercato libero dell’energia elettrica, Energit è stata fondata a Cagliari nel 2000 come multiutility, e conta attualmente cinquanta dipendenti (in passato erano oltre sessanta). In questi quindici anni la società è passata più volte di mano e l’attuale proprietà è già stata protagonista, in passato, di un concordato preventivo con una società operante nel mercato dell’energia.

Per questo motivo i lavoratori hanno chiesto che la trattativa con la proprietà avvenga in condizione di parità rispetto agli altri possibili acquirenti. “Tali condizioni – affermano i rappresentanti dei lavoratori – sono state fino ad ora negate, gettando un alone di incertezza e di scarsa credibilità sulle altre trattative che la proprietà afferma essere in corso e confermando ancora una volta il giudizio pressoché unanime non solo sulla direzione strategica aziendale, ma anche sulla proprietà, che da tempo non godono più della fiducia dell’assemblea dei lavoratori”.

I lavoratori di Energit chiedono dunque di conoscere – in questo scenario di incertezza – quali sono le effettive prospettive di rilancio e le garanzie di continuità aziendale, nonché di essere messi al corrente della reale affidabilità dei soggetti con cui si starebbero svolgendo le trattative. “Qualora si verificasse una cessione a soggetti di dubbia affidabilità e dal curriculum discutibile i lavoratori si opporranno con tutti i mezzi a loro disposizione per evitare che tali soggetti si impossessino degli asset aziendali a meri fini speculativi – annunciano -. Siamo pronti ad intraprendere qualunque azione necessaria a scongiurare la perdita di numerosi posti di lavoro e a salvaguardare il pieno mantenimento del patrimonio aziendale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver