25.1 C
New York
giovedì, Agosto 13, 2020
Web Radio
Home Archivio Defibrillazione: a che punto siamo?

Defibrillazione: a che punto siamo?

Un intervento tempestivo entro 5-6 minuti e un adeguato utilizzo della defibrillazione permetterebbe al 65% delle persone colpite da crisi cardiaca improvvisa di salvarsi e di non avere conseguenze neurologiche permanenti. Eppure, nonostante dal 2001 la legge italiana preveda che i defibrillatori possano essere utilizzati anche da personale non sanitario e ne abbia raccomandato vivamente la presenza nei luoghi di maggior affluenza come i centri sportivi e commerciali, di attacco cardiaco improvviso si continua purtroppo a morire.

Ogni anno in Italia circa 60mila persone muoiono a causa di una crisi cardiaca improvvisa. Ogni minuto che passa dall’attacco cardiaco riduce del 10% la possibilità di salvare la vita alle persone colpite perchè soltanto un trattamento immediato effettuato da personale adeguatamente formato può aumentare la sopravvivenza delle vittime e diminuire la possibilità di danni neurologici permanenti.

Prevenire grazie alla defibrillazione

Della cultura del primo soccorso e della formazione specifica necessaria per il personale non sanitario si parlerà domani, venerdì 11 dicembre 2015, a Cagliari, nel corso del convegno su “Defibrillazione precoce di comunità dal 2001 al 2015: evoluzione legislativa e sanitaria, progetti e proposte” che si terrà a partire dalle 15 alla Sala Congressi della Marina Militare, in Piazza Marinai d’Italia.

L’incontro – accreditato ECM e organizzato dall’associazione scientifica Helpful & Sustainable Future, con la partnership della Società Nazionale di Salvamento e la collaborazione dell’IFOLD – servirà a capire quanto in Italia vengono applicate le normative che regolano la fibrillazione e raccomandano la presenza dei defibrillatori nei luoghi più frequentati (centri ed esercizi commerciali, cinema, teatri, palestre e centri sportivi, pubblici e privati, piscine e stabilimenti balneari).

La legge 120 del 3 aprile 2011 ha stabilito che, in caso di emergenza, ogni cittadino adeguatamente formato possa prestare soccorso utilizzando defibrillatori semiautomatici (DAE) senza commettere reato o compiere un abuso della professione medica. Successivamente la legge 191 del 2009, con il relativo decreto ministeriale del 18 marzo 2011, ha raccomandato la presenza dei defibrillatori automatico in tutti i luoghi di grande affluenza. Infine il Decreto Balduzzi, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il 20 luglio 2013, ha esteso l’obbligo dei defibrillatori anche nell’ambito extra ospedaliero e sanitario ed ha coinvolto anche le società sportive (professionistiche e dilettantistiche).

Il convegno “La Defibrillazione Precoce di comunità, 2001 – 2015 evoluzione legislativa e sanitaria, progetti e proposte” darà voce agli addetti ai lavori: parlamentari, avvocati, tecnici, operatori sanitari ed esperti medici e scientifici, rappresentanti del mondo dello sport. Sarà presente tra gli altri anche il senatore Antonio Monteleone, primo firmatario della legge 120/2001.

L’uso del defibrillatore sarà descritto da un ingegnere elettronico e alcuni pazienti che hanno visto la propria vita salva grazie alla defibrillazione precoce daranno la propria testimonianza. Verranno inoltre descritti alcuni progetti per la diffusione della defibrillazione precoce e presentati alcuni esempi di applicazione delle nuove tecnologie alla defibrillazione precoce di comunità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver