25.1 C
New York
lunedì, Agosto 10, 2020
Web Radio
Home Archivio Occupazione: Sardegna fanalino di coda

Occupazione: Sardegna fanalino di coda

La Sardegna, immune dai miracolosi benefici del Jobs Act e della riforma del mercato del lavoro, continua a fare i conti con un mercato del lavoro a dir poco stagnante. Il tasso di occupazione registrato nel secondo trimestre 2015 era del 50,3%. Nel 2014 era del 51,8%: otto punti percentuali al di sotto della media nazionale del 2014 (59,9%) e addirittura dodici punti in meno rispetto al Lazio (che è la regione del Centro Italia col più basso tasso occupazionale) e 15 punti dal Piemonte.

I dati contenuti nel rapporto BES (Benessere Equo Sostenibile) 2015 pubblicato nei giorni scorsi in base ai dati ISTAT riferiti al 2014 – reso noto dal segretario generale della Cisl sarda Oriana Putzolu – non dicono assolutamente bene per la Sardegna.

Il rapporto BES 2015 sull’occupazione

occupazioneLa nostra regione è una delle regioni italiane col tasso più alto di mancata partecipazione al lavoro (32,5%). Peggio nel 2014 hanno fatto solo la Sicilia (42,7%), la Calabria (42,6%), la Campania (41,3%) e la Puglia (37,3%): la media nazionale è del 22,9%.

Qualche dato positivo è dato dalla percentuale di stabilizzazioni, leggermente più alta rispetto al resto del Meridione, e dalla ridotta percentuale dei lavoratori a termine da almeno cinque anni: nel 2014 la Sardegna ne registrava circa 13 ogni 100 dipendenti a tempo determinato e collaboratori, mentre la media nazionale è pari a 19,7%.

Eppure la ricerca rivela che in Sardegna ci sono ancora troppi i lavoratori dipendenti con una bassa paga e una altissima incidenza di lavoratori irregolari sul totale degli occupati: 14,3%, cinque punti in più rispetto alla regioni del Nord e 2 punti oltre la media delle regioni dell’Italia centrale.

In Sardegna vige la precarietà: l’11% dei lavoratori occupati nel 2014 aveva quasi la certezza di poter perdere il posto di lavoro e non riuscire a trovare un’altra collocazione. E il 16,1% dei lavoratori, percentuale inferiore soltanto alla Sicilia, ha dichiarato di svolgere un lavoro a tempo parziale perché non ne aveva trovato uno a tempo pieno.

Questi dati dimostrano che anche tra i lavoratori incomincia a vacillare la fiducia che le cose possano cambiare”, commenta Oriana Putzolu.

Risalire la china sarà molto difficile senza un progetto economico-sociale che metta in moto sinergicamente alcuni volani di sviluppo: solo col coinvolgimento unitario di tutte le forze sociali e politiche sarà possibile far uscire la Sardegna dalla crisi. L’emergenza lavoro – conclude la sindacalista – è così radicata che interventi solo settoriali molto difficilmente potranno modificare strutturalmente la situazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver