25.1 C
New York
domenica, Novembre 29, 2020
Web Radio
Home Archivio Santa Gilla, il paradiso dei detriti

Santa Gilla, il paradiso dei detriti

Spesso in questo sito ci siamo occupati delle enormi potenzialità turistiche della Sardegna. Potenzialità che passano anche e soprattutto attraverso una adeguata valorizzazione dell’enorme patrimonio ambientale e paesaggistico di cui dispone la nostra isola. Una delle risorse naturali più importanti è senza dubbio il compendio lagunare di Santa Gilla, una delle zone umide più importanti dell’area Mediterranea, sito di interesse comunitario e vincolato dalla convenzione Ramsar, che negli anni scorsi è stata oggetto di importanti investimenti da parte della Regione Sardegna.

Per capire quali siano le condizioni della laguna di Santa Gilla e quanto la nostra Regione stia puntando sull’ambiente e la natura valorizzando questo sito di eccezionale importanza pubblichiamo integralmente questo intervento di Roberto Copparoni, presidente dell’associazione ambientalista Amici di Sardegna, corredato da un eloquente servizio fotografico.

***

Santa Gilla: intervento di Roberto Copparoni, presidente dell’Associazione Amici di Sardegna

E’ incredibile come e quanto a Cagliari si facciano dei lavori, anche importanti, senza metterci anima e passione. Mi spiego meglio…. soprattutto quando si realizzano delle opere di valenza pubblica sarebbe cosa normale aver pensato a come gestire le strutture e gli impianti realizzati e come mantenerli in buono stato di utilizzo al fine di garantirne la migliore e più funzionale fruizione…invece.

Pensate alla risorsa del compendio lagunare di Santa Gilla affidato dalla Regione a una improduttiva istituzione, lasciata in balia dei sindacati di categoria che, spesso, si preoccupano più delle loro sopravvivenza strutturale che della valorizzazione delle risorse umane e territoriali che gli vengono affidate. Sono stati spesi centinaia di milioni di euro per bonifiche, dragaggi, imponenti opere di ingegneria per realizzare canali, bacini, argini e quant’altro.

Per fare cosa…poi?

Ma questo è un altro discorso… 

Resta il fatto però che le cose spesso vengono fatte a membro di segugio, lasciando intendere che la necessità primaria sia stata giusto quella di spendere denaro pubblico e far lavorare le ditte specializzate e far girare un po’ di soldi piuttosto che strappare al degrado luoghi e monumenti di grande valenza ambientale, culturale, turistica e … bla, bla ,bla.

Qui, siamo dentro la Laguna di Santa Gilla, area di Cagliari. Parlo di Laguna e non Stagno come anche certi esperti affermano, generando confusione e anche un poco di ignoranza; sito di Interesse comunitario, vincolato dalla convenzione di Ramsar e un sacco di altre cose…

Vi sembra normale che si spendano dei soldi per fare delle opere che non saranno mai utilizzate fino a quando non si creeranno le condizioni per essere degnamente fruite?

Le foto che ho postato dimostrano la persistenza di un forte degrado, vedasi la presenza di rifiuti di vario genere e natura con l’eternit, frigo, lavandini e delle gomme di camion in buona evidenza.

Santa Gilla

Qui si dovrebbero recare i bambini, vista anche la presenza di altalene…

Santa Gilla

Peraltro l’area è priva di controllo e penso che il legname di cui sono costituite le strutture che si stanno ancorando a terra saranno presto smantellate per procurarsi della legna per il camino o nella migliore delle ipotesi rubate…

Poi ci lamentiamo che la UE ci critichi per il cattivo uso dei soldi che ci concede. Vedasi il progetto LIFE e il fantomatico coordinamento dei Comuni che si affacciano nella Laguna cosa ha prodotto di concreto?

I milioni di euro concessi dovevano essere utilizzati per realizzare dei camminamenti non nuove strade di penetrazione camionabile; peraltro usate in prevalenza da pescatori abusivi.

Il centro di Terr’ e Olia, è in abbandono, nonostante siano stati spesi diversi milioni di euro per il suo recupero e tante altre cose…

Ci sono diverse Associazioni di settore, operanti nel Volontariato che da anni chiedono di avere in assegnazione queste strutture o quanto meno di potervi accedere…Invece mille problemi, di competenze, di chiavi di accesso, di presunte pericolosità e di non so quali altri problemi e nel frattempo il degrado avanza con perdita di memoria collettiva, fino alle prossime elezioni….

Santa Gilla

Questa non vuole di certo essere una critica contro questo e quell’amministratore, tutti e nessuno ne sono responsabili anche per atti omissivi, ma solo un ennesimo e motivato appello affinché si metta un po’ di anima e passione nelle cose che si fanno e soprattutto ci si armi di buon senso, quello di cui in molti sono carenti.

Del resto è noto a tutti che “sbagliare è umano…perseverare è diabolico”, specie ora.

Roberto Copparoni – Presidente Associazione Amici di Sardegna www.sardiniafriends.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver