25.1 C
New York
mercoledì, Dicembre 2, 2020
Web Radio
Home Opinioni La triste verità di Voyager sulla Sardegna

La triste verità di Voyager sulla Sardegna

In due ore di trasmissione su Rai Due il buon Roberto Giacobbo è sicuramente riuscito a promuovere la Sardegna più di quanto la Regione sarda sia riuscita a fare in oltre sessant’anni di storia dell’autonomia. Nonostante le risatine e le prese in giro dei tanti puristi dell’archeologia, la puntata monografica di Voyager dedicata alla nostra regione ha raccontato una Sardegna diversa dagli stereotipi abituali. Voyager, con il suo stile inconfondibile tra scienza e sensazionalismo, ha provato a raccontare i tanti misteri della Sardegna: menhir, ziqqurat di Monte d’Accoddi, Giganti di Mont’e Prama, tombe dei giganti sono stati inseriti nel calderone, ben shakerati con le teorie su Atlantide di Sergio Frau, mischiati a Tonino il re di Tavolara e alle caprette dai denti d’oro dovuti alla dieta a base di elicriso. Infine uniti alle battaglie navali di Domenico Millelire a La Maddalena, alla casa di Garibaldi a Caprera, agli angeli diventati neri perché i colori dell’affresco oristanese si sono ossidati per via del tempo e ai pipistrelli e alle blatte dei cunicoli dell’Anfiteatro Romano di Cagliari.

Non so cosa si aspettassero i puristi dell’archeologia isolana da questa puntata di Voyager. Eppure nella puntata di ieri, pur con qualche incursione nel Kazzenger di crozziana memoria, gli spettatori italiani hanno avuto la possibilità di conoscere una Sardegna che, oltre al sole, al mare e alle spiagge, è in grado di offrire ai turisti anche il fascino di una storia millenaria. Ma purtroppo, vuoi per incapacità vuoi per scarsa lungimiranza degli addetti ai lavori, non riesce a valorizzare nel modo migliore le sue enormi risorse archeologiche.

La verità di Voyager

Kazzenger, la parodia di Voyager fatta da Crozza, farebbe pensare a un programma che spara un numero esorbitante di fandonie. Non sono d’accordo. Ieri sera Voyager ha messo in luce una grande verità sulla Sardegna.

Le immagini che scorrevano sul video hanno infatti evidenziato impietosamente che in Sardegna le testimonianze archeologiche e i reperti storici tra i più antichi dell’area Mediterranea non sono valorizzati a dovere e versano quasi in uno stato di abbandono.

Lo stesso Giacobbo non ha potuto non fare un paragone tra la Sardegna e la gettonatissima Stonehenge.

I puristi dell’archeologia hanno sicuramente storto il naso perchè probabilmente la località inglese non c’entra nulla con la Sardegna. Può essere vero.

Eppure Stonehenge è diventata l’attrazione turistica che tutti conosciamo perché gli inglesi, con gru e ruspe, nel corso del Novecento hanno risistemato a regola d’arte i vecchi menhir e sono riusciti a creare quel sito affascinante e pieno di mistero che ogni anno attira circa un milione di turisti provenienti da ogni parte del mondo.

voyager
Il complesso archeologico di Pranu Muttedu, a Goni (Sud Sardegna)

La vera domanda posta ieri da Voyager è dunque questa: perchè la Sardegna non riesce a puntare con decisione sulla sua storia e sulla sua archeologia?

Per questo, al netto del miscuglio di teorie più o meno attendibili, la puntata di Voyager può suscitare qualche costruttiva riflessione.

Sulla nostra abitudine di lagnarci sempre e criticare senza far nulla per migliorare le cose, ad esempio. Sulla Sardegna individualista che preferisce andare in fallimento e vedere il vicino soccombere piuttosto che cooperare e perseguire il bene comune. Sulla Sardegna delle invidie e delle gelosie che fanno andare in malora un patrimonio e una storia millenaria.

Ma soprattutto suscita qualche riflessione su una classe politica che da anni pietisce soldi statali ed europei ma poi li spreca perchè non riesce mai a creare validi progetti di sviluppo e posti di lavoro. Che chiede assistenza ma non fa nulla per essere autonoma e valorizzare l’enorme patrimonio che ha a disposizione.

L’autonomia di una terra non si costruisce con le parole vuote o con un nuovo partito identitario identico agli altri. Si costruisce con la cooperazione, con la lungimiranza e con le scelte concrete. Fatte non per il proprio interesse egoistico ma per il bene della collettività.

Alessandro Zorco
Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver