informazione scarpe vecchie

Brutte notizie per l’informazione in Sardegna. L’emittente cagliaritana Sardegna 1 ha completato la procedura di dimezzamento del personale iniziata il 1° febbraio scorso: dodici lavoratori sono stati licenziati. Non sono serviti due anni di contratto di solidarietà e 150 drammatici e lunghissimi giorni di sciopero. Tra il 31 maggio ed oggi la tv ha messo fine alla lunga vertenza dei lavoratori spedendo le dodici lettere di licenziamento. Morale: i giornalisti che hanno sopportato per due anni un contratto di solidarietà per venire incontro all’azienda sono stati licenziati, nonostante stipendi arretrati non pagati e contributi non versati. E nello stesso tempo sono stati dati in appalto nuovi programmi a una società esterna. Non si dovrebbe, ma si può fare. L’editoria, come l’economia, non ha cuore. Guarda ai ricavi.

Nel comunicato che in serata ha annunciato il drammatico epilogo della vertenza, l’Assostampa sarda e la Cgil lamentano l’assenza delle istituzioni e della politica, che in questi mesi – al di là delle solite dichiarazioni di solidarietà – non hanno mosso un dito per evitare questo epilogo: due mozioni depositate in Consiglio regionale sulla situazione dell’emittente cagliaritana e sullo stato dell’informazione sarda non sono state ancora discusse dall’Aula.

Informazione e solidarietà

Ma siamo sicuri che la discussione di queste due mozioni avrebbe risolto la vertenza dei lavoratori di Sardegna 1 ridando vigore all’informazione isolana? Altre mozioni erano state presentate in passato al Consiglio regionale su altre esperienze come quelle di Epolis e Sardegna 24. Persino  delle interrogazioni in Parlamento.

Siamo sicuri che la Giunta, occupandosene, risolverebbe davvero i problemi dell’informazione in Sardegna? La stessa Giunta che, con scelta molto discutibile, invece di attingere dalle corpose schiere di giornalisti disoccupati (ce ne sono tanti bravi), ha preferito affidare il suo ufficio stampa a un pur bravo giornalista che però è già in pensione e non avrebbe alcun bisogno di lavorare?

Certo, anche questa era una cosa che si poteva legittimamente fare. Ed è stata fatta. Ci son tante cose che in teoria si possono fare ma che, se fatte, fanno male al cosiddetto pluralismo dell’informazione. O cose che viceversa non vengono fatte mentre bisognerebbe farle.

Si potrebbero regolamentare meglio i finanziamenti per l’editoria, ad esempio. Monitorare il loro utilizzo e subordinarli alla trasparenza dell’amministrazione dell’azienda e al pagamento regolare degli stipendi dei dipendenti: se non paghi gli stipendi o licenzi niente contributi. Oppure, come sostengono alcuni, si potrebbe sopprimere qualsiasi forma di contributo alla stampa. Cosa che in alcuni casi sarebbe stata probabilmente la soluzione migliore.

Eppure non si fa nulla di tutto questo.

Anche i giornalisti, d’altronde, potrebbero fare tante cose che non fanno.

Proprio in questi giorni abbiamo celebrato i fasti di Epolis, la free press gratuita fondata a Cagliari dal visionario Niki Grauso e rilevata dall’imprenditore trentino Alberto Rigotti: una gestione disastrosa che ha portato ad un buco di milioni e milioni di debiti.

La Guardia di Finanza ci sta spiegando che certe cose un imprenditore non le può fare: fare la bella vita, comprarsi macchinoni, fare viaggi e frequentare palestre costosissime tenendo i propri lavoratori senza stipendio, non versando i contributi e non accantonando le rate del Tfr.

L’arresto dell’ex editore Rigotti e dei suoi soci fa però tornare alla mente anche alcune cose che sono state fatte da alcuni giornalisti di Epolis durante i giorni della chiusura del giornale, in quell’estate 2010.

Cose che probabilmente non dovevano essere fatte. Ad esempio, nel periodo della sospensione delle pubblicazioni antecedente al fallimento, pare circolasse sottobanco un elenco di fortunati giornalisti che avrebbero dovuto far ripartire il giornale lasciando indietro altri colleghi fuori dai giochi. Bè, questi accordi sottobanco non si dovrebbero fare.

Così come, sempre in quel periodo, i colleghi impiegati dell’amministrazione e i poligrafici erano stati lasciati praticamente da soli ad occupare sibbolicamente la sede di viale Trieste, quasi la vertenza per difendere il posto di lavoro riguardasse solo loro (la maggior parte dei colleghi giornalisti, passati i giorni di visibilità in cui qualche politico ed esponente sindacale vennero a darci gli immancabili attestati di solidarietà, non si fece più vedere).

Tutto legittimo: si poteva fare.

informazioneDurante quell’occupazione, le segretarie ritrovarono nell’ufficio al secondo piano della redazione una scatola di marca nuova di zecca: dentro c’erano le scarpe vecchie del direttore.

Mentre i lavoratori stavano perdendo il posto, prima di sparire per sempre da Cagliari, il direttore non aveva trovato di meglio da fare che comprarsi un paio di scarpe di marca molto costose lasciando in redazione le scarpe vecchie. Il ritrovamento di quelle scarpe, che furono immediatamente appese con rabbia allo stipite del portone, suscitò un’ondata di indignazione.

Quelle scarpe vecchie diventarono il simbolo della disastrosa situazione del giornale. Di un posto di lavoro che andava in fumo. Di come i lavoratori eravano stati trattati dall’azienda. E di come si erano disuniti invece di rimanere compatti di fronte alle avversità.

Adesso, nei giorni bui come questo per i colleghi di Sardegna 1, si continua a chiedere l’aiuto della politica per risolvere i problemi dell’informazione nella nostra regione. Senza rendersi conto che il problema principale della nostra informazione è soprattutto la poca unità della categoria e la mancanza di solidarietà tra colleghi.

Sulla scorta dell’esperienza con Epolis, sinceramente speravo che almeno i colleghi di Sardegna 1 riuscissero a rimanere uniti. Ma alla fine purtroppo anche loro si sono sfaldati.

I giornalisti raccontano sempre le vertenze degli altri, ma regolarmente non sono in grado di portare avanti uniti le proprie.

Chiedono aiuto alla politica, senza rendersi conto che il problema dell’informazione in Sardegna è spesso l’eccessiva vicinanza del giornalismo alla politica. Non tanto il lavorare per la politica, che è una fonte di lavoro come un’altra per i giornalisti, ma l’essere asserviti alla politica. L’usare la politica per accaparrarsi i posti migliori. E, di conseguenza, l’essere usati dalla politica.

Allora, proviamo a non chiedere più alla politica di risolvere i problemi dell’informazione. Tanto la politica non può andare oltre qualche dichiarazione di solidarietà. Proviamo a svegliarci ed alzare la testa. Ad essere più uniti e solidali. E a rapportarci alla politica da semplici giornalisti che fanno il proprio lavoro. Altrimenti la maggior parte di noi rischia di finire veramente dentro una scatola vuota.

Come le scarpe vecchie del direttore di Epolis.

In bocca al lupo ai colleghi di Sardegna 1 e anche a tutti quelli che sperano in una informazione libera e autonoma.

Di Alessandro Zorco

Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *