25.1 C
New York
venerdì, Ottobre 23, 2020
Web Radio
Home Archivio Quell’uso intelligente dei fondi UE

Quell’uso intelligente dei fondi UE

Non ho mai creduto alla favola della Sardegna povera e abbandonata dallo Stato e dall’Europa a morire di inedia nel Mediterraneo senza fondi di sostentamento. La nostra regione ha avuto un mare di opportunità e risorse economiche per poter badare con relativa autonomia al proprio sviluppo. Il problema è che, per un motivo o per l’altro, non ne è stata quasi mai capace. Prendiamo i fondi UE: dobbiamo ancora spendere in due anni la bellezza di circa 800 milioni di euro della vecchia programmazione (in cinque anni ne sono stati spesi in media solo 240 all’anno) e nel prossimo settennio ci saranno a disposizione quasi altri cinque miliardi. Ma quando mai i nostri politici riusciranno a spenderli se il sistema della programmazione dei fondi Ue è stato sempre farraginoso e i soldi si disperdono sistematicamente in mille rivoli? Se invece dei progetti più validi si preferisce spesso finanziare quelli, magari meno utili, di chi ha più entrature nella burocrazia o nella politica?

Fondi UE

Progettare i fondi UE

Nel corso degli anni la nostra classe dirigente ha dimostrato di non riuscire a programmare in modo efficace l’utilizzo di queste risorse per creare sviluppo e posti di lavoro stabili. Quanti posti di lavoro creati in questi quindici anni di uso dei fondi strutturali sono ancora stabilmente in piedi e non sono stati spazzati appena finiti i fondi del progetto? Quali progetti comunitari hanno creato sviluppo vero e non sono andati soltanto ad arricchire i portafogli di chi li ha organizzati?

Ora la nuova Giunta regionale sembra intenzionata a ripristinare la sana abitudine di programmare l’uso delle risorse comunitarie con l’ausilio delle parti sociali. Benissimo.

Eppure le Linee guida per la spesa di questa enorme mole di danaro, tradotte in una delibera dello scorso maggio, sembrano celare la solita atavica incapacità di usare i fondi UE per incidere realmente nella realtà economica della Sardegna: probabilmente ancora non si è capito bene che è necessario concentrarsi in pochi specifici obiettivi da monitorare nel tempo in modo da non disperdere in mille rivoli queste importanti risorse.

La Sardegna ha bisogno di posti di lavoro. La disoccupazione sta crescendo, non solo quella giovanile ma anche quella dei quaranta-cinquantenni estromessi dal lavoro che hanno una famiglia da mantenere e un mutuo per pagare la casa. La gente non ne può più. Le piccole aziende, quelle che rappresentano l’ossatura dell’economia della nostra regione, stanno chiudendo.

Per questo i vertici della Cna sarda hanno ha scritto una lettera aperta al presidente della Regione sarda Francesco Pigliaru e all’assessore alla Programmazione economica Raffaele Paci proponendo che almeno un terzo dei fondi UE che la Sardegna avrà a disposizione nei prossimi anni fino al 2020 (stiamo parlando complessivamente di circa un miliardo e mezzo di euro) venga utilizzato per un grande Piano per il lavoro che crei occupazione ecosostenibile e rilanci il settore edile, ormai in crisi da quasi otto anni, senza però invadere il nostro territorio con altre colate di cemento.

Come?

  • Attraverso il riuso, la riqualificazione e l’efficientamento energetico dell’immenso patrimonio esistente in Sardegna (quanti edifici pubblici e privati sono in condizioni di decadenza)
  • Attraverso la rigenerazione dei centri urbani, il risanamento idrogeologico, il ripristino, la bonifica ambientale e la messa in sicurezza del territorio che, come abbiamo avuto modo di constatare dalle tragedie di questi ultimi anni, ha un terribile bisogno di essere messo in sicurezza.

Riuso e riqualificazione di ciò che già esiste senza consumare altro territorio: una ricetta che la Cna sarda sta portando avanti da anni, spesso inascoltata perché, si sa, un programma di questo tipo sostiene più le piccole aziende che le grandi lobby dei costruttori.

Bè, secondo me questo sarebbe un modo concreto, utile e intelligente di usare i fondi UE. Ce ne saranno senz’altro anche altri, altrettanto intelligenti. Parliamone, confrontiamoci.

L’importante è che la politica usi le meningi per studiare progetti intelligenti che creino sviluppo e siano utili alla comunità. E le sprema un po’ meno per fare la quadra e spartire le poltrone disponibili nei vari assessorati o per progettare nuovi ingegnosi metodi per mantenere super stipendi, vitalizi e altri privilegi inaccettabili in questo periodo di crisi.

Perché se l’intelligenza è usata in quel modo, allora è molto meglio esser tonti.

Alessandro Zorco
Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver