Sciacalli

Riporto con particolare ribrezzo l’episodio di cronaca di cui parlano oggi i quotidiani sardi. Ad Orosei, paese del nord est della Sardegna devastato dall’alluvione dello scorso 18 novembre, gli sciacalli sono entrati nottetempo in una fabbrica di laterizi distrutta dall’alluvione portando via un migliaio di euro, un furgone e altre attrezzature da lavoro. Complimenti: un colpo a regola d’arte. Fin qui non c’è nulla di strano: siamo abituati alla gente che ruba. La particolarità, in questo caso, è che il titolare di quella piccola fabbrica di Orosei si era tolto la vita pochi giorni dopo l’alluvione per la disperazione di aver perso tutto e l’azienda – grazie all’impegno dell’altro titolare – si era rimessa lentamente al lavoro dopo quel drammatico evento seguito all’alluvione.

Ma in che società stiamo vivendo se non c’è più neppure un po’ di rispetto per la morte e per il dolore? Un po’ di rispetto per la sofferenza? Sistematicamente nelle grandi e piccole disgrazie, nelle alluvioni e nei terremoti come negli incidenti stradali – oltre che naturalmente e fortunatamente all’ondata di solidarietà della maggior parte delle persone – entrano in azione tanti sciacalli. E’ come se all’ondata di bene se ne contrapponesse sistematicamente una di male. Devastante. Alla solidarietà operosa della maggior parte dei cittadini si contrappongono tante persone che approfittano della debolezza altrui per saccheggiare e derubare indisturbati. Per non andare lontano, durante l’alluvione che lo scorso novembre ha colpito il nord Sardegna le forze dell’ordine hanno dovuto fare un eccezionale lavoro di prevenzione contro gli sciacalli, implacabili di fronte alla morte e alla disperazione di chi ha perso tutto.

Una società in balia degli sciacalli

Non possiamo purtroppo pensare ad un mondo senza delinquenza, ma fino ad un po’ di tempo fa anche la delinquenza aveva i suoi codici da rispettare. Oggi – stando a questi episodi che si ripetono con frequenza – non più. Allora non possiamo solo indignarci e uscire in piazza con i forconi perché nelle istituzioni ci sono tanti politici che mangiano i soldi pubblici e approfittano delle loro situazioni di privilegio. O perchè ci sono tante persone che approfittano delle loro conoscenze per garantirsi ambite poltrone e per spadroneggiare sui più deboli nei posti di lavoro. E’ sempre più il caso di rimboccarsi le maniche e combattere con azioni costruttive per non lasciare la società in balia degli sciacalli.

 

Di Alessandro Zorco

Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *