Don Bosco

Don Bosco. «Dovrai farteli amici non con le percosse ma con la mansuetudine e la carità. Parla, spiegagli che il peccato è una cosa cattiva e che l’amicizia con il Signore è un bene prezioso». Questo è un brano del sogno che Don Bosco fece da bambino. Un uomo maestoso gli indicava una folla di ragazzini: alcuni giocavano, altri ridevano, altri ancora bestemmiavano. Secondo quell’uomo il piccolo Giovanni avrebbe dovuto essere il loro capo, insegnargli il rispetto e l’amore. Ma lui, il futuro don Bosco, non si sentiva all’altezza. Era solo un povero ragazzo ignorante e non sarebbe mai riuscito a parlare di religione a quei monelli. Allora quell’uomo maestoso gli indicò una donna (sua madre) che sarebbe stata la sua maestra. Era maestosa e vestita di abiti splendenti, e gli disse: «Ecco il tuo campo, ecco dove devi lavorare».  Il seguito è abbastanza noto: quell’adolescente divenne un gigante della spiritualità e profuse tutto se stesso per l’educazione dei ragazzi, soprattutto quelli più difficili. Un impegno che ha portato alla fondazione, 150 anni fa, dell’opera salesiana ormai presente in tutto il mondo. Un esempio per tutti quelli che credono che il futuro di questa società sia riposto esclusivamente nella cura che riceveranno le generazioni future. Tra due anni, nel 2015, si celebrerà il bicentenario della morte di Don Bosco e fra qualche giorno, dopo aver attraversato i cinque continenti in preparazione della ricorrenza, le reliquie di Don Bosco approderanno in Sardegna. Dall’11 al 15 ottobre l’urna con le reliquie del santo percorrerà l’isola partendo da Cagliari per poi salire a Lanusei e, successivamente, raggiungere il nord dell’isola.

Il pellegrinaggio di Don Bosco

Don Bosco

Il pellegrinaggio delle reliquie di Don Bosco, voluto dal Rettor Maggiore dei Salesiani, don Pascual Chàvez Villanueva, è partito dal Lazio nel 2009. Dopo di che l’urna di Don Bosco è salpata per i cinque continenti in cui si trovano le opere salesiane iniziando la sua peregrinazione dall’America Latina. Dopo la tappa sarda  le reliquie attraverseranno tutta l’Italia fino al 31 gennaio 2014, giorno in cui si concluderà il pellegrinaggio. Venerdì 11 l’urna di Don Bosco arriverà all’aeroporto di Cagliari verso le 8.45 da Bova Marina (RC) accompagnata dal Direttore dell’Opera salesiana di Selargius, Don Simone Indiati, e sarà accolta dai Salesiani di Cagliari e Selargius. Alle 16 dalla piazza del Cimitero di Bonaria partirà una prima processione diretta alla Basilica di Bonaria dove, alle 18, l’arcivescovo di Cagliari, monsignor Arrigo Miglio, presiederà una solenne Concelebrazione. Alle 19,30 l’urna partirà dal santuario di Bonaria e dopo  un corteo che percorrerà via Dante sarà trasferita nella parrocchia di san Paolo dove, alle 21, il vescovo di Alghero-Bosa, il salesiano Mauro Morfino, chiuderà la giornata con una seconda celebrazione eucaristica. Sabato 12 ottobre, dopo la Messa nella parrocchia salesiana di Selargius, il Consigliere Mondiale per la Pastorale Giovanile don Fabio Attard celebrerà alle 11, nel cortile interno dell’Istituto “Don Bosco” di via Sant’Ignazio la Messa di Inaugurazione ufficiale dell’Anno centenario della presenza dei Salesiani in Sardegna e degli studenti che frequentano l’istituto. Quindi l’urna di don Bosco, intorno alle 14, partirà per Lanusei, seconda tappa del pellegrinaggio in Sardegna dell’Urna di Don Bosco.

Urna Don Bosco

L’urna di don Bosco

L’urna, progettata dall’architetto Gianpiero Zoncu, è stata realizzata in alluminio, bronzo e cristallo. Il basamento rappresenta un ponte sostenuto da quattro piloni sui quali sono riportate le date che definiscono il bicentenario: 1815-2015. I piloni sono decorati, ai lati dell’urna, da formelle quadrangolari con volti di giovani dei cinque continenti realizzati dallo scultore Gabriele Garbolino. Lo stemma della Congregazione Salesiana, che ha recentemente celebrato i 150 anni di fondazione, e il motto carismatico adottato dallo stesso don Bosco – da mihi animas cetera tolle (O Signore, datemi anime e prendetevi tutte le altre cose) – completano la decorazione. L’urna, compresa di basamento, misura 253 centimetri di lunghezza, 100 di larghezza e 152 di altezza; il peso totale è di 530 kg. All’interno è posta una statua di don Bosco, contenente una reliquia del santo, simile a quella che si trova nell’urna conservata nella basilica di Maria Ausiliatrice di Torino.

Di Alessandro Zorco

Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *