Si avvicina in Sardegna la zona franca doganale

0
151
zona franca doganale

Dopo quindici anni di attesa si avvicina in Sardegna la zona franca doganale che probabilmente potrà essere estesa a tutta l’Isola. L’Agenzia delle Dogane attende il piano operativo della zona franca di Cagliari per comunicare all’Unione Europea l’esistenza del punto franco cagliaritano. Non solo: l’agenzia non ha sollevato alcun rilievo sulla possibile estensione del decreto legislativo 75 del 1998 a tutto il territorio dell’isola utilizzando come punti di ingresso e di uscita gli scali portuali ed aeroportuali sardi. Dunque se il Consiglio dei ministri recepirà la delibera della Giunta regionale che modifica il Dpcm del 7 giugno 2001 accogliendo le istanze dei 340 comuni che hanno richiesto la zona franca doganale, l’esenzione dai dazi potrà essere estesa a tutta l’isola.

Zona franca doganale: il primo passo

zona franca doganaleE’ questo il risultato dell’incontro tenuto a Roma, presso l’Agenzia delle Dogane, al quale hanno partecipato il direttore dell’agenzia Giuseppe Peleggi, il presidente della Regione Sardegna Ugo Cappellacci e i rappresentanti dei movimenti pro zona franca  Maria Rosaria Randaccio, Francesco Scifo e Andrea Impera. L’Agenzia ha assunto l’impegno di comunicare all’Europa la neonata zona franca di Cagliari non appena sarà in possesso del piano operativo e, come detto, non ha fatto obiezioni circa l’estensione a tutta l’isola del dlgs 75 contrattato nel lontano 1998 dalla lungimirante Giunta Palomba e mai attuato nei successivi quindici anni.

 

Dunque si avvicina l’attuazione della zona franca doganale negoziata dalla Giunta Palomba con il Governo D’Alema, ma è ancora tutta da giocare la partita con il Ministero dell’Economia e delle Finanze sulla zona franca integrale voluta fortemente dai movimenti. Secondo il governatore Cappellacci – si legge in un comunicato della Regione – “il Governo ha il dovere di fare propria la nostra rivendicazione di un’isola che non vuole vivere di assistenzialismo, ma di impresa e lavoro”.

La vertenza con lo Stato

Bisognerà capire se ora la Regione Sardegna avrà la forza di contrattare questa rivendicazione con un Governo che in questo momento sembra in tutt’altre faccende affaccendato. Per ora, anche se un primo doveroso passo è stato finalmente fatto, la Sardegna come paradiso fiscale alla stregua di Livigno e Campione D’italia pare ancora lontana. Dovremo subire come tutti gli italiani l’iniquo aumento dell’Iva imposto dal Governo che limiterà ulteriormente i consumi, soprattutto quelli delle famiglie meno abbienti, e metterà ancor più in difficoltà artigiani e commercianti isolani.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here