25.1 C
New York
lunedì, Novembre 23, 2020
Web Radio
Home Archivio Gioco d'azzardo, tante adesioni alla proposta Idv

Gioco d’azzardo, tante adesioni alla proposta Idv

Gioco d’azzardo. La prima adesione di peso, dopo quella del presidente dell’Anci Cristiano Erriu, è arrivata dal sindaco di Sassari Gianfranco Ganau. Poi c’è stata quella del primo cittadino di Nuoro, Alessandro Bianchi. Anche Massimo Zedda, a Cagliari, si è dimostrato attento al problema del gioco d’azzardo: qualche giorno fa, su insistenza dei rappresentanti dell’Italia dei Valori (Giovanni Dore e Ferdinando Secchi), la sua Giunta ha infatti deliberato l’adesione del Comune di Cagliari al Manifesto dei sindaci contro il gioco d’azzardo. Il no al gioco d’azzardo sale dal basso. Oltre i sindaci, la lotta contro la ludopatia sta coinvolgendo anche la Chiesa. Tanti sacerdoti in prima linea contro il gioco d’azzardo, quelli che spesso assistono le famiglie distrutte da questa piaga (che in Italia interessa tre milioni di persone in maniera quasi patologica), hanno compreso le ragioni dell’Italia dei Valori sottoscrivendo la proposta di legge di iniziativa popolare che prevede il divieto di qualsiasi forma di gioco d’azzardo tranne quelli tradizionali come il Lotto e le scommesse sportive. Fortunatamente anche tanti gestori di locali pubblici sardi stanno esercitando l’obiezione di coscienza rifiutando di sistemare slotmachine e giochi affini all’interno dei loro esercizi.

Dopo anni di incuria, lassismo e connivenza da parte di uno Stato che ha lasciato operare indisturbate le grandi lobby del gioco d’azzardo, qualcosa sta finalmente cambiando. E soprattutto i sindaci e i sacerdoti, quelli che toccano la disperazione con mano senza stare al riparo dei palazzi dorati della politica, hanno deciso di dire basta a una piaga che anche in Sardegna sta rovinando tantissime famiglie. Sassari, a quanto pare è la capitale sarda del gioco d’azzardo. E forse anche per questo motivo Gianfranco Ganau ha deciso subito di abbracciare l’iniziativa dell’IdV.

Gioco d’azzardo: una battaglia di civiltà

«E’ una battaglia di civiltà», ha spiegato Ganau raccogliendo l’invito dell’ex deputato e segretario regionale IdV Federico Palomba. «Siamo di fronte a un fenomeno ormai diffusissimo che non può essere ulteriormente sottovalutato, che impoverisce le famiglie e provoca danni irreparabili. Una vera e propria dipendenza che richiede interventi preventivi nei confronti degli utenti e dissuasivi verso gli esercenti. Solo di recente questo tipo di dipendenza ha trovato riscontro all’interno delle strutture sanitarie preposte, i Serd, ma sono convinto che l’unica soluzione possibile per eliminare definitivamente il fenomeno sia evitare che possa essere praticato». All’adesione di Ganau è seguita anche quella di Alessandro Bianchi e, ultimissima, anche quella di un altro candidato alle primarie del centrosinistra, Andrea Murgia (nella foto) che proprio qualche giorno fa ha sottoscritto la proposta di legge contro il gioco d’azzardo nella sede regionale dell’Idv.

«La nostra raccolta di firme é appena iniziata ma sta già registrando grande interesse», afferma soddisfatto Palomba. «Anche le adesioni all’iniziativa sono assai qualificate. Nel mondo dei comuni, dopo quella del presidente dell’Anci Cristiano Erriu e di diversi sindaci tra i quali quelli di Monastir, Nuragus e San Sperate, stanno arrivando quelle di altri, a cominciare dai sindaci di Nuoro, Alessandro Bianchi, e di Sassari, Gianfranco Ganau. Altri stanno prendendo contatti per avere informazioni al fine dell’adesione».

Palomba ricorda anche il sostegno del mondo della Chiesa. «Dopo le adesioni di don Pietro Borrotzu, don Ettore Cannavera e don Marco Lai, stanno giungendo altre manifestazioni di impegno verso l’iniziativa, considerata pienamente in linea con i valori etici propri della comunità ecclesiale». All’iniziativa hanno inoltre aderito le associazioni artigiane CNA e Confartigianato. Fra i testimonial anche Pietro Ciarlo, costituzionalista nominato da Enrico Letta nel Comitato dei 35 Saggi per le riforme istituzionali. Ovviamente sono in prima linea anche le associazioni che si occupano sul territorio della piaga del gioco d’azzardo e che sono già impegnate nella raccolta delle firme. L’Assigap Onlus (Associazione Sarda per lo Studio e gli Interventi sul Gioco d’azzardo Patologico) col suo presidente Nanni Cerina e il Comitato SLOT-MOB Cagliari (Comitato di cittadini per il contrasto al gioco d’azzardo) col suo responsabile Matteo Lecis Cocco Ortu. Proprio il Comitato SLOT-MOB ha programmato per il prossimo 19 ottobre uno ‘slot mob’, ovvero un flash-mob che coinvolgerà i bar cagliaritani che hanno deciso di non fare installare nei propri locali slotmachine e giochi affini.

La proposta di legge contro il gioco d’azzardo può essere firmata in tutti i comuni sardi, oltre che nei banchetti predisposti nel territorio isolano. Idv ha annunciato che si potrà firmare anche nelle zone di smistamento dei tantissimi pellegrini che domani arriveranno a Cagliari per la visita di Papa Francesco.

Nonostante il gioco d’azzardo sia una piaga che colpisce soprattutto le famiglie non si è invece registrato alcun interesse da parte di quei partiti di centrodestra che tradizionalmente sostengono di essere depositari delle istanze della famiglia. Ma un’adesione bipartisan alle iniziative sociali di una parte politica, di questi tempi, risulta inconcepibile. Soprattutto in questo lunghissimo periodo di campagna elettorale che in Sardegna sta precedendo da mesi le elezioni regionali del prossimo febbraio. Sarebbe opportuno rompere gli schemi con un’adesione simbolica. Magari proprio da parte di quel presidente Cappellacci che in questi giorni chiede il sostegno del centrosinistra per questioni che riguardano tutto il popolo sardo come l’istituzione della zona franca integrale. Bene Cappellacci – da rappresentante della Regione Sardegna – potrebbe dare il buon esempio firmando la proposta di legge contro il gioco d’azzardo e le sue aberrazioni: una battaglia di civiltà che bisognerebbe combattere uniti. Ma qui entriamo nel campo della fantapolitica.

Alessandro Zorco
Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver