25.1 C
New York
lunedì, Novembre 30, 2020
Web Radio
Home Archivio Scuola digitale al via in Sardegna?

Scuola digitale al via in Sardegna?

Scuola digitale. Niente più zaini e libri di testo pesantissimi, almeno in teoria. Dal prossimo anno scolastico i ragazzi delle scuole superiori sarde potranno sostituire i libri con i tablet. Un comunicato stampa appena diramato dalla Regione Sardegna annuncia che l’assessorato regionale alla Pubblica Istruzione, dopo aver fatto installare in tutte le scuole sarde le lavagne multimediali (Lim),  ha dato via libera alla seconda parte del progetto “scuola digitale”. L’assessore Sergio Milia ha infatti “inteso avviare” le procedure per l’acquisto di trentamila tablet che sostituiranno i libri di testo. Attendiamo fiduciosi.

Il presidente della Regione Ugo Cappellacci, ormai da tempo in campagna elettorale, loda sperticatamente l’iniziativa e utilizza l’assist dichiarando: “con il progetto scuola digitale investiamo sui nostri giovani e presentiamo uno strumento innovativo nelle classi della Sardegna, proponendo la nostra isola come modello di avanguardia a livello nazionale”. Anche l’assessore Milia parla di “una rivoluzione per la scuola sarda che finalmente potrà avere un nuovo e rivoluzionario strumento didattico che consentirà soprattutto di combattere la piaga della dispersione scolastica”.

Ma dato che l’assessore annuncia un sabato di fine luglio che “intende avviare” le trattative per l’acquisto dei tablet, è lecito qualche dubbio sul fatto che la procedura pubblica, ancora allo stato delle idee, possa essere conclusa in tempo per l’inizio del prossimo anno scolastico. Il dubbio, molto forte, è che la rivoluzione digitale dovrà essere rimandata di un anno.

Scuola digitale: i dubbi e le illazioni

Questioni temporali a parte, la sperimentazione del sistema digitale nelle scuole sarde – che stando alla Regione il prossimo anno scolastico dovrà entrare a regime con la formazione di tutti i docenti sardi e la messa in rete dei contenuti – permetterà di testare la validità del modello finale adottato, su cui non sono mancate le polemiche. Con il test sul campo si capirà se è stato un bene modificare tre giorni prima della scadenza del bando il progetto sardegna Digitale diretto dal professor Silvano Tagliagambe, poi sollevato dall’incarico, che sulla carta appariva veramente rivoluzionario e in controtendenza rispetto agli interessi delle lobby editoriali. Si capirà anche se questo modello consentirà alle famiglie di risparmiare sulla spesa per la didattica dei loro figli: per il progetto improvvisamente accantonato dalla Regione si parlava di un risparmio di circa 350 euro all’anno per uno studente delle scuole superiori, attendiamo di conoscere gli effetti del modello scelto sui bilanci familiari. Si capirà inoltre quali saranno i contenuti didattici forniti agli studenti sardi: contenuti originali oppure quelle “Pillole del sapere” costate, a detta del prof. Tagliagambe, 40mila euro l’una, su cui incombe un’inchiesta della Procura di Roma.

studentiUn progetto Scuola Digitale efficace che consenta ai ragazzi di non spezzarsi la schiena e di lavorare su contenuti didattici validi e originali, nonché permetta alle famiglie sarde di risparmiare sull’acquisto dei testi scolastici meriterà una promozione e dimostrerà che i soldi europei (inizialmente 125 milioni provenienti dal Por Sardegna) sono stati spesi bene. In caso contrario il progetto della Regione sarda sarà bocciato categoricamente sarà dato spazio incontrollato a dubbi e illazioni che da tempo accompagnano il progetto, oggetto anche di una interrogazione parlamentare (consultala). Tutto ciò si potrà però verificare solo a campagna elettorale conclusa. Ora bisogna fidarsi soltanto delle promesse e delle buone intenzioni.

 

Alessandro Zorco
Giornalista professionista. Amo scrivere, nuotare e andare in bicicletta. Sono sardo. La mia dimensione è il mare.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -Web Radio

Most Popular

5G, la Commissione UE pensa ad organismi indipendenti per la valutazione dei potenziali rischi sulla salute

Dopo la denuncia del legale cagliaritano Francesco Scifo, l'Europa fa marcia indietro: indagine sui potenziali rischi sulla salute derivanti dal 5G

Tribunale di Cagliari, salta la programmazione d’urgenza: processi celebrati senza avvocati e imputati

Avvocati in fibrillazione a l Foro di Cagliari dove, senza una comunicazione ufficiale, è ripresa la regolare attività ed è venuta meno la programmazione d'urgenza delle udienze determinata dall'emergenza Covid 19

Diamanti, i migliori amici degli investitori

Anche in Sardegna sempre più risparmiatori investono in diamanti: ma come distinguere una pietra preziosa di qualità da un fondo di bottiglia?

Racconti dalla Sardegna: concorso letterario per autori sardi

Al via la seconda edizione del concorso letterario Racconti dalla Sardegna indetto da Historica edizioni in collaborazione con il sito Cultora: scadenza il 1° marzo 2019

Recent Comments

Petizione per tutelare le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato (Alessandro Zorco) - NewsRss24 Italia on Le storie di Villa Clara: un patrimonio abbandonato
Educazione: le parole di Don Bosco – Famiglia Cattolica on Salesiani: le quattro parole di Don Bosco
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Genocidio del popolo sardo: denuncia all’Aja
GENOCIDIO SARDO: DENUNCIA ALL’AJA | on Zona franca
La XXIX Marcia della Pace – Famiglia Cattolica on A Carbonia la XXIX Marcia della Pace
Santo Stefano: un piccolo gesto di unità – Famiglia Cattolica on Santo Stefano: un piccolo passo verso l’unità
Scrivere una lettera a Dio – Famiglia Cattolica on Concorso dell’Ucsi Catania: scrivi una lettera a Dio
Adolescenti tra la famiglia e il web – Famiglia Cattolica on Adolescenti: istruzioni per l’uso
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on L’orto sinergico e l’agricoltura a misura d’uomo
IL PROFUMO ECOSOSTENIBILE DEL VETIVER - Diario della Coltivazione on Il profumo ecosostenibile del Vetiver